Il metodo per imparare a scrivere di Architettura

scrivere di Architettura

Può il saper scrivere di Architettura far acquisire più consapevolezza, far riflettere e far diventare anche grandi architetti? Secondo me si. Basta guardarsi indietro nella storia dell’architettura. Molti grandi architetti sono stati in grado di lasciare scritti che hanno cambiato la storia del progetto. Essi hanno saputo tradurre il loro pensiero su carta per persuadere contemporanei e posteri.

Sicuramente il saper scrivere di architettura non è una condizione necessaria per essere bravi progettisti, ne tantomeno condizione sufficiente – però potrebbe avvantaggiare per una serie di motivi, primo tra tutti il saper comunicare al meglio le proprie idee. Riuscendo così a farsi ascoltare e apprezzare.

“Fino all’età di trent’anni, sono stato considerato come un letterato e non come un architetto; questo per qualcuno, avrebbe potuto apparire come un’offesa, ma per me era un complimento”

Aldo Rossi

Purtroppo oggi la qualità dei testi e l’abilità nella scrittura sembrano essere calate drasticamente rispetto al secolo scorso.

Non siamo più abituati – e mi ci metto anche io – ad usare mano e penna. Se è vero che consiglio di imparare ad usare i programmi, è anche vero che ritengo che il collegamento mano cervello è unico e non può essere replicato se ci si mette di mezzo una macchina.

Fare Storytelling

Oggi i programmi di grafica e editing di testi fanno sembrare tutti i testi belli. Siamo ormai abituati a concepire i testi come un riempitivo nelle brochure. Talvolta. Questo non ha fatto altro che abbassare la qualità dei testi e la considerazione che abbiamo degli stessi. Un circolo vizioso che tende verso il basso.

Ma il potere della scrittura non è da sottovalutare, e se leggerai questo articolo ti spiegherò come riuscire a scrivere bene.

“Più che una rinuncia alla professione, o una compensazione al mancato esercizio della professione, la scrittura sembra invece far parte dell’esercizio del progetto”

Raffaella Poletti in Comunità Italia

Siamo nati per raccontare storie e per sentircele dire.

Come strutturare un testo

Dal momento che non posso aiutarti nell’elaborazione di un pensiero architettonico, concentro miei sforzi nel raccontarti un metodo per saper scrivere di architettura al meglio. Non si parlerà di veri e propi libri, ma piuttosto di post, articoli, brevi saggi o relazioni progettuali.

Partendo dalla divisione del testo in più parti, ti spiegherò per ciascuna di esse quali sono le migliori pratiche e come ottenere il massimo. Questo è il metodo che utilizzo anche io. Ovviamente non è l’unico metodo e ovviamente può anche essere solo uno spunto o una ispirazione per te.

Come sempre, il mio consiglio è quello di capire qual è la strada migliore per te, far tesoro dei consigli, analizzarli, sintetizzarli e infine trovare il tuo metodo. Considera anche che questo approccio alla scrittura potrebbe benissimo essere usato anche in altri campi, non solo nell’architettura. Partiamo.

Fai una scaletta

La prima cosa che ti consiglio di fare è quella di buttare giù una scaletta dei contenuti. Significa prendere un foglio bianco e scrivere una dopo l’altra tutte le idee che ti vengono in mente sull’argomento. Una volta che le avrai più chiare, potrai metterle in ordine, specificare la tua tesi e capire di cosa il lettore ha bisogno. In questa fase potrà essere necessaria anche una parte di ricerca; se vedi che nel tuo testo manca qualcosa o se ritieni sia utile specificare qualcos’altro. Una volta che avrai fatto la scaletta tutto il resto sarà in discesa e non avrai nemmeno più problemi a superare il famoso “blocco dello scrittore”.

Iniziare a scrivere

Fai delle ricerche se necessario

Avendo chiara la tua mappa delle idee, capirai quali ricerche fare e dove concentrarti maggiormente. Non è necessario leggere qualsiasi testo sull’argomento di cui stai scrivendo. Sarebbe bello, ma non c’è tempo. Leggi solo quello che serve a te e ai tuoi futuri lettori.

Il titolo giusto

Come vedrai in uno dei punti seguenti, la scelta del titolo può anche essere lasciata come ultima cosa. Ciò che non può essere lasciato indietro è la scaletta però.

Il titolo deve annunciare ai lettori cosa possono aspettarsi. Quali informazioni o quale valore aggiunto otterranno nel leggere il tuo testo.

Molte persone non fanno caso al titolo quando scrivono articoli o testi in generale. In verità questo è un grosso errore perchè è probabilmente l’aspetto più importante. Quello che decide se il tuo testo verrà letto da un buon numero di persone piuttosto che da poche persone.

Per concepire un buon titolo non serve essere esperti scrittori. Certo, l’esperienza aiuta, ma l’esercizio migliore che potresti fare è quello di chiedere a te stesso quali sono i titoli che preferisci.

Sono quelli criptici, lunghi, poco comprensibili e scontati? Oppure sono quelli chiari e semplici, brevi al punto giusto, che ti lasciano un po’ di curiosità e che ti fanno già capire di cosa parlerà il testo? Per aiutarti osserva il mondo. Che sia una rivista, un sito Internet, un quotidiano. Il mondo è pieno zeppo di titoli a cui ispirarsi.

La prima parte del testo

Un buon inizio dovrebbe contenere un invito a proseguire la lettura. Quindi una vera e propria esortazione attraverso l’annuncio della direzione che il testo prenderà. Questo è il momento in cui il lettore (legittimamente) si sta chiedendo se vale la pena spendere il suo tempo e le sue energie a leggere il tuo testo. Qui devi rispondere ai suoi dubbi “vale la pena perchè imparerai questo, conoscerai questo, sarai quindi in grado di fare, capire etc”.

Dopo l’introduzione

La fase successiva immediatamente successiva all’introduzione, una volta convinto il lettore a proseguire, è quella di fornirgli tutte le informazioni e il background necessarie per fargli apprezzare/capire quello che stai per dire nel tuo articolo. In questa parte dovrei definire tutte le informazioni al contorno che possono essere utili o interessanti al contenuto vero e proprio. Spesso è proprio in questa fase che è necessaria la ricerca, ma è proprio qui che puoi dimostrare la validità della tua tesi e del tuo contenuto, portando a conoscenza del contesto e della ragione da cui essa è generata.

Stai attento a non andare fuori tema e a non esagerare con la lunghezza del testo.

Il contenuto vero e proprio

Esprimi il vero contenuto, la tua idea, quello che vuoi dire. Per questa sezione non c’è una vera e propria formula per come strutturare il testo. Tutto dipende da quello che vuoi dire, dall’argomento, e anche dal contesto in cui lo stai scrivendo. Se in un libro se su un articolo online oppure in una relazione. Questa in ogni caso è la parte centrale, il fuoco dove devi esprimere i concetti più importanti. Basta con introduzioni e premesse, qui bisogna andare dritti al punto.

Verso la conclusione

Prima della conclusione offri al lettore una sorta di breve riassunto per punti di quello che vi siete appena raccontati. Questo farà in modo di lasciargli un ricordo più vivido.

Altri consigli da tenere in considerazione per scrivere di Architettura

  • Non è necessario iniziare proprio dall’inizio. Inizia dal punto che ti risulta più facile e poi costruisci da lì il resto. Pensa a Michelangelo quando scolpiva il David. Per realizzare quel capolavoro alto più di 5 metri, si è obbligato a partire dai piedi per poi arrivare in ordine fino alla testa. Ha invece cominciato dal punto che riteneva più opportuno e da lì ha plasmato tutto il resto.
  • Cerca di rendere armonici i passaggi tra un paragrafo e l’altro, così come tra una sezione e l’altra. Se proprio non c’è modo, aiutati con le immagini. Spesso sono un’ottima pausa per il lettore e ti aiutano in questi casi.
  • Prima di scrivere qualcosa, devi avere qualcosa da dire.
  • Pensa a chi stai scrivendo. Nella maggior parte dei casi a te stesso va bene, ma se non fosse così tieni a mente i tuoi futuri lettori.
  • Non cercare di assomigliare a qualcun altro, trova il tuo stile spontaneamente. L’autenticità e l’originalità è più apprezzata di ogni altra cosa.
  • Questo metodo di cui abbiamo appena parlato è solo una linea guida. Una volta che avrai imparato il principio generale, sarai libero di plasmarlo a seconda delle necessità. Come per esempio ho fatto in questo articolo senza neanche accorgermene.
  • Cerca di essere imparziale. Puoi dire la tua, ma fallo sempre sapendo quel che dici e potendolo dimostrare. Non dire è bellissimo e poi nel commento, quando ti chiedono perchè è bellissimo, tu rispondi “è bellissimo perchè è bello ciò che piace e ognuno è libero di dire quello che vuole…”. Non siamo al bar, è giusto fornire contenuti.
  • Nella critica di architettura, come in qualsiasi altra recensione, puoi quindi non essere d’accordo con l’architetto di cui stai parlando, ma sarebbe un errore condannarlo tenendo in considerazione solo fattori assoluti. Cerca di capire anche il contesto relativo. Che sia storico o di luogo, di tempi etc. Cerca di capire che magari alcune scelte sono state fatte per rispondere a delle esigenze o particolari richieste della committenza o delle istituzioni. Non focalizzarti sul solo “oggetto artistico”. Non sarebbe giusto.

Esempi di grandi architetti che si sono fatti conoscere e sono diventati grandi anche grazie ai loro scritti

Vitruvio, De Architectura

Le Corbiser, Verso un’architettura

Aldo Rossi, L’architettura della città

Rem Koolhaas, Delirious New York

Adolf Loos, Parole nel vuoto

Robert Venturi, Learning From Las Vegas

Libri di architettura

Ce ne sono molti e molti altri. Qui per esempio c’è un altro mio post in cui ti consiglio tutti i libri di architettura che un architetto dovrebbe leggere.

 


 

Spero che questo articolo su come imparare a scrivere di architettura possa esserti una guida da cui partire da prendere come riferimento.

Saper scrivere di architettura potrà tornarti utile in numerose occasioni. Sia negli aspetti di Digital PR, per far pubblicare i tuoi progetti e raccontarli al meglio, sia quando cerchi di spiegare il tuo metodo progettuale o le idee che stanno alla base dei tuoi progetti. Idee che possono conquistare clienti, lettori, collaboratori, e chiunque sì è interessato a ciò che scrivi.

Condividi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
LucaOnniboni

LucaOnniboni

Laureato in Architettura Ambientale ed esperto in comunicazione digitale. Oltre che di Marketing For Architects, è fondatore di Archiobjects e Objects., due riviste online dedicate al mondo dell'architettura/design e della cultura contemporanea.